Dal Brennero a Verona in bici, una gita di più giorni molto bella e facile, che vi consigliamo vivamente: paesaggi spettacolari, ottima ospitalità ed una pista ciclabile impeccabile. Qui di seguito il video e la descrizione del nostro itinerario di 275km.

 

GIORNO 1

Brennero-Mules: 34,3km (165m ascesa, 570m discesa):

Siamo andata in macchina fino a Verona in tarda mattinata, poi da lì abbiamo preso un treno regionale fino al Brennero (3,02h – costo 21,75€ più 3,50€ supplemento bicicletta cad), da dove abbiamo cominciato a pedalare. La ciclabile corre accanto ai binari dell’antica ferrovia, attraverso dolci colline e freschi boschi,  in leggera discesa fino a Vipiteno. I panorami sono splendidi e la segnaletica è ottima.

17990551_406692976353680_6979423810918074471_o

 

GIORNO 2

Mules-Bolzano: 66,6km (209m ascesa, 801m discesa).

La ciclabile è molto varia e bella. Si segue il fiume Isarco prevalentemente in discesa, anche se non manca qualche breve strappetto. Lungo il percorso molti luoghi e monumenti storici che invitano a fermarsi: il Forte di Fortezza, l’Abbazia di Novacella, la cittadina degli artisti Chiusa con il suo imponente convento di Sabiona. Da non perdere Bolzano con i suoi portici e piazza Walther.

bosco

novacella

ponte

 

GIORNO 3

Bolzano-Rovereto: 94,6km (121m ascesa, 87m discesa).

La discesa è finita e ora si pedala in pianura seguendo il corso del fiume Adige, attraverso frutteti e vigneti di Gewurztraminer, nella zona del lago di Caldaro, e del Teroldego nella piana Rotaliana. Impossibile non fare una sosta a Trento, che ci accoglie con le sue case dalle facciate dipinte, il Duomo e la fontana di Nettuno. La pista ciclabile dell’Adige prosegue poi verso sud fino a Rovereto: un must assoluto la visita del MART-Museo di arte moderna e contemporanea.

linda_frutteti

trento

adige_

 

GIORNO 4

Rovereto-Verona: 80,1km (367m ascesa, 464m discesa).

Da Rovereto si pedala sempre in direzione Sud, lungo l’Adige, attraverso i vigneti di Marzemino fino ad Avio con il suo bel castello di Sabbionara. A tratti si costeggia anche l’autostrada fino ad arrivare a Borghetto, ultimo paese trentino. La pista ciclabile in alcuni punti si interrompe e bisogna proseguire su strade normali, ma nel complesso il traffico è poco e non mancano le segnalazioni. In Veneto poi riprende la ciclabile ed il percorso è molto bello con alcuni sali scendi; solo la salita al forte di Rivoli è impegnativa, ma regala un bellissimo punto panoramico sulla Valle dell’Adige. A Rivoli Veronese abbiamo proseguito lungo la ciclabile Rivoli–Bussolengo, parte della ciclovia dei fiumi veneti, e costeggiato il canale Biffis. Siamo entrate a Verona seguendo il Lungadige.
marzwmino_
rivoli_
verona_

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *