Per sfuggire al caldo di agosto siamo state in Slovenia, paese così vicino a noi ma in cui non eravamo mai state prima.

Abbiamo pedalato un bellissimo e facile giro di 10 giorni, solo una tappa impegnativa con dislivello sopra i 1.000m D+, ma per il resto alla portata di tutti.  Questo ci ha dato tanto tempo libero per visitare i luoghi, tuffarci nei laghi e nei fiumi, fare trekking e assaggiare le prelibatezze locali. La Slovenia è un gioiellino verde, con tante ciclabili e poco traffico: vi consigliamo assolutamente di visitarla in bicicletta.

Qui potete vedere nel dettaglio il nostro itinerario e scaricare le tracce:

Day 1: Monfalcone/Vipava Valley

In treno fino a Monfalcone, da dove abbiamo cominciato a pedalare. Pernottamento, cena e degustazione dei vini della Vipava Valley nel bellissimo casale storico Majerija a Slappe.

Day 2: Vipava Valley/Postojna

Visita delle Grotte di Postojna e del Castello di Predjama (abbiamo preso il bus per arrivare al castello). Pernottamento e cena Jama Hotel.

Day 3: Postojna/Lubiana

Visita della città con salita al castello. Pernottamento Hotel Slon, cena con menu degustazione al Monstera Bistro, che ci è piaciuto tantissimo.

Day 4: Lubiana/Eco Resort Velika Planina

Trekking a Velika Planina (si sale con la funivia e poi c’è un anello di 8km). Pernottamento e cena presso Slovenia Eco Resort, posto davvero particolare, immerso nella natura, che offre glamping, hut in legno con bagno, ristorante e una fattoria didattica. Lungo la strada visitate Kamnik.

Day 5: Eco Resort Velika Planina/Radovljica

Pernottamento e cena presso Linhart Hotel & Bistro, che ci è piaciuto tantissimo. Da non perdere il Museo dell’Apicoltura e, lungo il percorso, la cittadina di Kranj.

Day 6: Radovljica/Lago Bohinj

Pernottamento nel bellissimo e nuovissimo Hotel Bohinj (che ha una colazione da urlo!), cena da Majerca Restaurant. Lungo il percorso stop d’obbligo al Lago di Bled.

Day 7: trekking Cascata Savica + canoa sul lago

Abbiamo cominciato a camminare dal campeggio Bohinj, ci si arriva col bus. Al ritorno, nel campeggio, abbiamo affittato una canoa. Camp Bohinj  è molto affollato, ma si trova in un posto splendido e fa una buonissima pizza. Pernottamento e massaggio (che goduria) all’Hotel Bohinj.

Day 8: Lago Bohinj/Kanal

Unica giornata impegnativa del tour, ma che regala viste spettacolari prima sul Triglav e poi, una volta raggiunto il passo Soriska Planina a 1.277, sul versante di Tolmino. Vi consigliamo assolutamente di fare il bagno nell’Isonzo nella spiaggetta sotto il ponte di Kanal… stupendo! Pernottamento Hotel Kriznic, un po’ vecchiotto, ma economico.

Day 9: Kanal/Brazzano

Da non perdere la ciclabile lungo l’Isonzo da Kanal a Solkan, Piazzale della Transalpina a Nova Gorica e il Museo della Grande Guerra a Gorizia. Visto che non trovavamo alloggio nella parte slovena del collio, siamo passate in quella italiana. Pranzo e pernottamento Locanda Orologio (si mangia molto bene). Cena spettacolare dalla chef stellata Antonia Klugmann all’Argine a Vencò per chiudere in bellezza.

Day 10: Brazzano/Stazione Trieste Airport

Ritorno in stazione per prendere il treno per tornare a casa, ma non senza una sosta a Gradisca d’Isonzo e al Sacrario militare di Redipuglia.